Latino Italiano Bilingue

Dopo
la Messa

A S. Michele S. Tommaso d'A. S. Bonaventura Preghiera universale Al SS. Crocifisso Al SS. Redentore Alla Beata Vergine Maria A S. Giuseppe Trium puerorum

Preghiera all'arcangelo
S. Michele

Orátio
ad S. Míchaël

San Michele Arcangelo, difendici nella lotta; sii nostro aiuto contro la cattiveria e le insidie del demonio. "Che Dio eserciti il suo dominio su di lui”, supplichevoli ti preghiamo; tu, che sei il Principe della milizia celeste, con la forza divina rinchiudi nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni che girano il mondo per portare le anime alla dannazione. Amen.

Sancte Míchaël Archángele, defénde nos in prœlio: contra nequítiam et insídias diáboli esto præsídium. Ímperet illi Deus, súpplices deprecámur; tuque, Princeps milítiæ cæléstis, sátanam aliósque spíritus malígnos, qui ad per­di­tiónem animárum pervagántur in mundo, divína virtúte in inférnum detrúde. Amen.

Preghiera
di S. Tommaso
d'Aquino

Orátio
S. Thomæ
Aquinátis

Ti ringrazio, o Signore santo, Padre onnipotente, eterno Iddio, di esserti degnato di saziare con i preziosi Corpo e Sangue del tuo Figlio e Signore nostro Gesú Cristo me peccatore e tuo servo indegno, senza alcun merito, ma solo per la tua misericordia.

Grátias tibi ago, Dómine, sancte Pater, omnípotens ætérne Deus, qui me peccatórem, indígnum fámulum tuum, nullis meis méritis, sed sola dignatióne mi­se­ri­córdiæ tuæ satiáre dignátus es pretióso Córpore et Sánguine Fílii tui Dómini nostri Iesu Christi.

E Ti prego affinché questa Comunione non sia per me causa di pena, ma salutare garanzia di perdono. Sia per me armatura della fede e scudo di buona volontà. Sia liberazione dai miei vizii, sterminio della concupiscenza e della libidine, aumento della carità e della pazienza, dell’umiltà, dell’obbedienza e di tutte le virtú; sia ferma difesa contro le insidie di tutti i nemici, sia visibili sia invisibili; sia perfetta quiete dei miei moti, sia carnali sia spirituali; sia ferma adesione a Te unico e vero Dio e felice conseguimento del mio ultimo fine.

Et precor, ut hæc sancta commúnio non sit mihi reátus ad pœnam, sed intercéssio salutáris ad véniam. Sit mihi armatúra fídei et scutum bonæ voluntátis. Sit vitiórum meórum evacuátio, con­cu­piscéntiæ et libídinis ex­ter­mi­nátio, caritátis et patiéntiæ, humilitátis et obœdiéntiæ, omniúmque virtútum augmentátio; contra insídias inimicórum ómnium, tam visibílium, quam in­vi­si­bílium, firma defénsio; in te uno ac vero Deo firma adhǽsio; atque finis mei felix consummátio.

Ti prego, perché ti degni di far giungere me, peccatore, a quel convito ineffabile dove, con il Figlio tuo e con lo Spirito Santo, dai ai tuoi Santi luce vera, sazietà piena, gaudio sempiterno, completa letizia e perfetta felicità. Per lo stesso Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Et precor te, ut ad illud ineffábile convívium me peccatórem perdúcere dignéris, ubi tu cum Fílio tuo et Spíritu Sancto, Sanctis tuis es lux vera, satíetas plena, gáudium sem­pi­térnum, iucúnditas consummáta et felícitas perfécta. Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

Preghiera
di S. Bonaventura

Orátio
S. Bonaventúræ

Trafiggi, o dolcissimo Gesù, la parte più intima dell’anima mia con la soavissima e salutare ferita del tuo amore, con vera, pura, santissima, apostolica carità, affinché continuamente languisca e si strugga l’anima mia per amore e il desiderio solo di Te; che io brami te, che io mi consumi presso i tuoi tabernacoli, non cerchi altro che essere e fondermi in Te.

Transfíge, dulcíssime Dómine Iesu, medúllas et víscera ánimæ meæ suavíssimo ac sa­lu­bérrimo amóris tui vúlnere, vera serenáque et apostólica sanc­tíssima caritáte, ut lángueat et liquefíat ánima mea solo semper amóre et desidério tui; te concupíscat et defíciat in átria tua, cúpiat dissólvi et esse tecum.

Fa’ che l’anima mia sia assetata di Te, pane degli angeli, ristoro delle anime sante, pane nostro quotidiano, pane soprannaturale, che hai ogni dolcezza e ogni sapore e procuri la gioia più dolce.

Da ut ánima mea te esúriat, panem Angelórum, re­fec­tiónem animárum sanctárum; panem nostrum cotidiánum, su­per­subs­tan­tiálem, habéntem omnem dulcédinem et sapórem et omne de­lec­ta­méntum suavitátis.

Di te, che gli angeli desiderano contemplare incessantemente, abbia fame e si sazi il mio cuore, e la parte più intima dell’anima mia siano ricolmati dalla dolcezza della tuo sapore: abbia sempre sete di te, fonte della vita, fonte della sapienza e della scienza, fonte della eterna luce, torrente della letizia, delizia della casa di Dio.

Te, in quem desíderant Ángeli prospícere, semper esúriat et cómedat cor meum, et dulcédine sapóris tui repleántur víscera ánimæ meæ; te semper sítiat fontem vitæ, fontem sapiéntiæ et sciéntiæ, fontem ætérni lúminis, torréntem voluptátis, ubertátem domus Dei.

Che io ambisca sempre Te, Te cerchi, Te trovi, e mi prefigga solo te come meta, a te giunga, a te pensi, di te parli e faccia tutte le cose a onore e gloria del tuo nome, con umiltà e discrezione, con amore e con piacere, con facilità e con affetto, con perseveranza che duri sino alla fine. Perché Tu solo sei sempre la mia speranza, la mia fiducia, la mia ricchezza, il mio diletto, la mia allegrezza, la mia gioia, il mio riposo e la mia tranquillità, la mia pace, la mia soavità, il mio profumo, la mia dolcezza, il mio cibo, il mio ristoro, il mio rifugio, il mio aiuto, la mia sapienza, la mia parte di eredità, il mio possesso, il mio tesoro, nel quale rimangono sempre fissi e fermi, con salde radici, la mia mente e il mio cuore. Amen.

Te semper ámbiat, te quærat, te invéniat, ad te tendat, ad te pervéniat, te meditétur, te loquátur, et ómnia operétur in laudem et glóriam nóminis tui, cum humilitáte et discretióne, cum dilectióne, et de­lec­ta­tióne, cum facilitáte et afféctu, cum per­se­verántia usque in finem; ut tu sis solus semper spes mea, tota fidúcia mea, divítiæ meæ, delectátio mea, iucúnditas mea, gáudium meum, quies et tran­quíllitas mea, pax mea, suávitas mea, odor meus, dulcédo mea, cibus meus, reféctio mea, refúgium meum, auxílium meum, sapiéntia mea, pórtio mea, posséssio mea, thesáurus meus, in quo fixa et firma et immobíliter semper sit radicáta mens mea et cor meum. Amen.

Preghiera
universale

Orátio
universális

attribuita a Clemente XI, 1649-1721

Sub nómine Cleméntis PP. XI vulgáta

Credo, o Signore, ma che io creda più fermamente; spero, ma che io speri con più fiducia; amo, ma che io ami più ardentemente; mi pento, ma che io mi penta con maggior dolore.

Credo, Dómine, sed credam fírmius; spero, sed sperem secúrius; amo, sed amem ardéntius; dóleo, sed dóleam veheméntius.

Ti adoro come primo principio; ti desidero come fine ultimo; ti lodo come eterno benefattore; ti invoco come propizio difensore.

Adoro te ut primum princípium; desídero ut finem últimum; laudo ut be­ne­fac­tórem perpétuum; ínvoco ut defensórem propítium.

Guidami con la tua sapienza, reggimi con la tua giustizia, incoraggiami con la tua bontà, proteggimi con la tua potenza.

Tua me sapiéntia dírige, iustítia cóntine, cleméntia soláre, poténtia prótege.

Ti offro, o Signore: i pensieri, perché siano diretti a te; le parole, perché siano di te; la azioni, perché siano secondo te; le tribolazioni, perché siano per te.

Óffero tibi, Dómine, cogitánda, ut sint ad te; dicénda, ut sint de te; faciénda, ut sint secúndum te; ferénda, ut sint propter te.

Voglio tutto ciò che vuoi tu, perchè lo vuoi tu, nel modo in cui lo vuoi tu, fino a quando lo vuoi tu.

Volo quidquid vis, volo quia vis, volo quómodo vis, volo quámdiu vis.

Ti prego, o Signore: illumina la mia intelligenza, infiamma la volontà, purifica il cuore, santifica l’anima mia.

Oro, Dómine: in­te­lléctum illúmines, voluntátem inflámmes, cor emúndes, ánimam sanctífices.

Che pianga i peccati commessi, respinga le tentazioni, corregga le inclinazioni cattive, pratichi le virtù necessarie.

Défleam prætéritas iniquitátes, repéllam futúras tentatiónes, córrigam vitiósas pro­pen­siónes, éxcolam idóneas virtútes.

Concedimi, o Padre buono,  l’amore di te, l’odio di me, lo zelo per il prossimo, il disprezzo del mondo.

Tríbue mihi, bone Deus, amórem tui, ódium mei, zelum próximi, contémptum mundi.

Che mi sforzi: di obbedire ai superiori, di aiutare gli inferiori, aver cura degli amici, perdonare i nemici.

Stúdeam su­pe­rióribus obœdíre, in­fe­rióribus subveníre, amícis consúlere, inimícis párcere.

Che vinca le passioni con la mortificazione, l’avarizia con la generosità, l’ira con la mitezza, la tiepidezza con il fervore.

Vincam voluptátem austeritáte, avarítiam largitáte, iracúndiam lenitáte, te­pi­di­tátem fervóre.

Che sia prudente nel consiglio, forte nei pericoli, paziente nelle avversità, umile nella prosperità.

Redde me prudéntem in consíliis, constántem in perículis, patiéntem in advérsis, húmilem in prósperis.

Fa', o Signore, che sia attento nella preghiera, sobrio nel cibo, diligente nei miei doveri, fermo nei propositi.

Fac, Dómine, ut sim in oratióne atténtus, in épulis sóbrius, in múnere sédulus, in propósito fírmus.

Che io mi sforzi di avere l’innocenza interna, modestia esterna, una conversazione esemplare, una vita regolare.

Curem habére inno­cén­tiam interiórem, modéstiam exteriórem, con­ver­sa­tiónem exemplárem, vitam regulárem.

Che vigili assiduamente  nel domare la natura, nel favorire la grazia, nell’osservare la legge e meritare la salvezza.

Assídue invígilem natúræ domándæ, grátiæ fovéndæ, legi servándæ, salúti promeréndæ.

Che impari da te quanto è fragile tutto ciò che è terreno, quanto è grande tutto ciò che è divino, quanto è breve tutto ciò che è temporaneo, quanto è durevole tutto ciò che è eterno.

Discam a te quam ténue quod terrénum, quam grande quod divínum, quam breve quod tem­po­ráneum, quam durábile quod ætérnum.

Concedimi: di essere pronto alla morte, di temere il giudizio, di non cadere nell’Inferno, di ottenere il Paradiso. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Da, ut mortem prævéniam, iudícium pertímeam, inférnum effúgiam, paradísum obtíneam. Per Christum Dóminum nostrum. Amen.

Orazione
al Santissimo
Crocifisso

Orátio
ad D. N. I. C.
Crucifíxum

Eccomi, o mio amato e buon Gesù, che alla santissima tua presenza prostrato, ti prego col fervore più vivo di stampare nel mio cuore sentimenti di Fede, di Speranza, di Carità, di Dolore dei miei peccati, e di proponimento di non più offendervi, mentre io con tutto l'amore e con tutta la compassione vado considerando le vostre cinque piaghe, cominciando da ciò che disse di Voi, o mio Dio, il santo profeta David: «trapassarono le mie mani e i miei piedi, contarono tutte le mie ossa». Amen (Sal. 21,17-18) .

En ego, o bone et dulcíssime Iesu, ante conspéctum tuum génibus me provólvo, ac máximo ánimi ardóre te oro atque obtéstor, ut meum in cor vívidos fídei, spei et caritátis sensus, atque veram peccatórum meórum pœ­ni­tén­tiam, eáque emmendándi fir­mís­si­mam voluntátem velis imprímere; dum magno ánimi afféctu et dolóre tua quinque vúlnera mecum ipse consídero ac mente contémplor, illud præ óculis habens, quod iam in ore ponébat tuo David prophéta de te, o bone Iesu: Fodérunt manus meas et pedes meos: di­nu­me­ravérunt ómnia ossa mea (Ps. 21,17-18).


Invocazioni al Santissimo Redentore

Aspiratiónes
ad Ssmum.
Redemptórem

Anima di Cristo, santificami.

Ánima Christi, sanctífica me.

Corpo di Cristo, salvami.

Corpus Christi, salva me.

Sangue di Cristo, inebriami.

Sanguis Christi, inébria me.

Acqua del costato di Cristo, lavami.

Aqua láteris Christi, lava me.

Passione di Cristo, confortami.

Pássio Christi, confórta me.

O buon Gesù, esaudiscimi.

O bone Iesu, exáudi me.

Dentro le tue piaghe nascondimi.

Intra tua vúlnera abscónde me.

Non permettere che io mi separi da te.

Ne permíttas me separári a te.

Dal nemico maligno difendimi.

Ab hoste malígno defénde me.

Nell'ora della mia morte chiamami.

In hora mortis meæ voca me.

e comanda che io venga a te.

Et iube me veníre ad te.

affinché ti lodi con i tuoi santi, nei secoli dei secoli. Amen

Ut cum Sanctis tuis laudem te in sǽcula sæculórum. Amen

Preghiera
alla Beata
Vergine Maria

Orátio
ad B. Maríam
Vírginem

O Maria, Vergine e Madre santissima, ecco che io ho ricevuto il tuo dilettissimo Figlio che tu hai concepito nel tuo seno l'immacolato, hai generato, allattato e stretto con abbracci tenerissimi.

O Maria, Virgo et Mater sanctíssima, ecce suscépi di­lec­tíssimum Fílium tuum, quem immaculáto útero tuo concepísti, genuísti, lactásti, atque suavíssimis ampléxibus strinxísti.

Ecco che Colui, la cui vista ti allietava e formava tutte le tue gioie, io umilmente ed affettuosamente te lo presento da stringere fra le tue braccia, da amare con il tuo cuore, e da offrire alla SS. Trinità in tuo onore e per la tua gloria per i miei bisogni e di quelli di tutto il mondo.

Ecce, cuius aspéctu lætabáris et ómnibus delíciis replebáris, illum ipsum tibi humíliter et amánter repræsénto et óffero tuis bráchiis con­strin­géndum, tuo corde amándum, sanc­ti­ssimǽque Trinitáti in suprémum latríæ cultum, pro tui ipsíus honóre et glória et pro meis totiúsque mundi ne­ce­ssi­tátibus, offeréndum.

Ti prego dunque, o piissima Madre, d'impetrare il perdono di tutti i miei peccati, un'abbondante grazia di servire il tuo Figlio d'or innanzi con maggior fedeltà, e, infine, la grazia della perseveranza finale, affinché possa lodarlo con Te per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Rogo ergo te, piíssima Mater, ímpetra mihi véniam ómnium peccatórum meórum, uberémque grátiam ipsi deínceps fidélius serviéndi, ac dénique grátiam finálem, ut eum tecum laudáre possim per omnia sǽcula sæculórum. Amen.

Preghiera
a san Giuseppe

Orátio
ad S. Ioseph

O san Giuseppe, custode e padre di vergini, alla cui fedele custodia furono affidati l'innocenza stessa di Gesù Cristo e la Vergine delle vergini Maria: per questi due amatissimi pegni, Gesù e Maria, ti prego e ti supplico che io, preservato da ogni male, sia sempre al servizio di Gesù e di Maria con spirito limpido, cuore puro e corpo casto. Amen.

Vírginum custos et pater, sáncte Ioseph, cuius fidéli custódiæ ipsa Innocéntia Christus Iesus et Virgo vírginum Maria commíssa fuit: te per hoc utrúmque caríssimum pignus Iesum et Maríam óbsecro et obtéstor, ut me, ab omni immundítia præ­ser­vátum, mente in­con­ta­mináta, puro corde et casto córpore Iesu et Maríæ semper fácias castíssime famulári. Amen.

Trium
puerórum

Trium
puerórum

Antifona. Cantiamo l’inno che i tre santi giovani innalzavano nella fornace ardente, benedicendo il Signore. (Tempo pasquale Alleluia).

Antíphona. Trium puerórum cantémus hymnum, quem cantábant sancti in camíno ignis, be­ne­di­céntes Dóminum (T. P. Allelúia).

Cantico Trium Puerorum
Dan. 3, 57-88 et 56

1. Benedite, opere tutte del Signore, il Signore; lodàtelo ed esaltàtelo nei secoli.

1. Benedícite, ómnia ópera Dómini, Dómino, laudáte et su­per­exal­táte eum in sǽcula.

2. Benedite, Angeli del Signore, il Signore; benedite, cieli, il Signore.

2. Benedícite, cæli, Dómino, benedícite, ángeli Dómini, Dómino.

3. Benedite, acque tutte che siete sopra i cieli, il Signore; benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.

3. Benedícite, aquæ omnes, quæ super cælos sunt, Dómino, benedícat omnis virtus, Dómino.

4. Benedite, sole e luna, il Signore; benedite, stelle del cielo, il Signore.

4. Benedícite, sol et luna, Dómino, benedícite, stellæ cæli, Dómino.

5. Benedite, piogge e rugiade tutte il Signore; benedite, venti tutti, il Signore.

5. Benedícite, omnis imber et ros, Dómino, benedícite, omnes venti, Dómino.

6. Benedite, fuoco e calore, il Signore; benedite, freddo e caldo, il Signore.

6. Benedícite, ignis et æstus, Dómino, benedícite, frigus et æstus, Dómino.

7. Benedite, rugiade e brina, il Signore: benedite, gelo e freddo, il Signore.

7. Benedícite, rores et prúina, Dómino, benedícite, gelu et frigus, Dómino.

8. Benedite, ghiacci e nevi, il Signore; benedite, notti e giorni, il Signore.

8. Benedícite, glácies et nives, Dómino, benedícite, noctes et dies, Dómino.

9. Benedite, luce e tenebre, il Signore; benedite, fòlgori e nubi, il Signore.

9. Benedícite, lux et ténebræ, Dómino, benedícite, fúlgura et nubes, Dómino.

10. Benedica la terra, il Signore, lo lodi e lo esalti nei secoli.

10. Benedícat terra Dóminum, laudet et su­per­exáltet eum in sǽcula.

11. Benedite, monti e colline, il Signore; benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.

11. Benedícite montes et colles, Dómino, benedícite, univérsa germinántia in terra, Dómino.

12. Benedite, sorgenti, il Signore; benedite, mari e fiumi, il Signore.

12. Benedícite, mária et flúmina, Dómino, benedícite, fontes, Dómino.

13. Benedite, mostri marini e quanto si muove nelle acque, il Signore; benedite, uccelli tutti del cielo, il Signore.

13. Benedícite, cete et ómnia, quæ movéntur in aquis, Dómino, benedícite, omnes vólucres cæli, Dómino.

14. Benedite, bestie e greggi tutte, il Signore; benedite, figli degli uomini, il Signore.

14. Benedícite, omnes béstiæ et pécora, Dómino, benedícite, fílii hóminum, Dómino.

15. Benedica Israele, il Signore, lo lodi e lo esalti nei secoli.

15. Bénedic, Ísraël, Dómino, laudáte et su­per­exal­táte eum in sǽcula.

16. Benedite, sacerdoti del Signore, il Signore; benedite, servi del Signore, il Signore.

16. Benedícite, sacerdótes Dómini, Dómino, benedícite, servi Dómini, Dómino.

17. Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore; benedite, pii e umili di cuore, il Signore.

17. Benedícite, spíritus et ánimæ iustórum, Dómino, benedícite, sancti et húmiles corde, Dómino.

18. Benedite, Anania, Azaria e Misaele, il Signore, lodatelo ed esaltàtelo nei secoli.

18. Benedícite, Ananía, Azaría, Mísaël, Dómino, laudáte et su­per­exal­táte eum in sǽcula.

19. Benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo, lodiamolo ed esaltiàmolo nei secoli.

19. Benedicámus Patrem et Fílium cum Sancto Spíritu; laudémus et su­per­exal­témus eum in sǽcula.

20. Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, degno di lode e di gloria nei secoli.

20. Benedíctus es in firmaménto cæli et laudábilis et gloriósus in sǽcula.

non si dice il Gloria al Padre,l’Amen.

Hic non dícitur Glória Patri, neque Amen.

Salmo 150

1. Lodate il Signore nel suo santuario; lodàtelo nel firmamento della sua potenza.

1. Laudáte Dóminum in sanctuário eius, laudáte eum in firmaménto virtútis eius.

2. Lodatelo per i suoi prodigi, lodàtelo per la sua immensa grandezza.

2. Laudáte eum in magnálibus eius, laudáte eum secúndum mul­ti­túdinem mag­ni­túdinis eius.

3. Lodatelo con squilli di tromba; lodàtelo con l’arpa e la cetra.

3. Laudáte eum in sono tubæ, laudáte eum in psaltério et cíthara.

4. Lodatelo col timpano e danze; lodatelo sulle corde e con i fiati.

4. Laudáte eum in týmpano et choro, laudáte eum in chordis et órgano.

5. Lodatelo con cémbali sonanti, lodatelo con cémbali squillanti; ogni vivente dia lode al Signore.

5. Laudáte eum in cýmbalis be­ne­so­nántibus, laudáte eum in cýmbalis iu­bi­la­tiónis: omne quod spirat, laudet Dóminum.

Gloria al Padre, e al Figlio, e allo Spirito Santo,

Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto.

come era in principio e ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Così sia.

Sicut erat in princípio, et nunc, et semper, et in sǽcula sæculórum. Amen.

Antifona. Cantiamo l’inno che i tre santi giovani cantarono nella fornace ardente, benedicendo il Signore. (Tempo pasquale Alleluia).

Antiphona. Trium puerórum cantémus hymnum, quem cantábant sancti in camíno ignis, be­ne­di­céntes Dóminum (T. P. Allelúia).

Tutti si alzano, e chi guida la preghiera dice:

Omnes exsúrgunt, et qui preces moderátur dicit:

V/ . Signore, pietà.

R/. Cristo, pietà. Signore, pietà.

V/ . Kyrie, eléison.

R/. Christe, eléison. Kyrie, eléison.

Padre nostro...

Pater noster.

V/ . ...e non abbandonarci alla tentazione.

V/ . Et ne nos indúcas in ten­ta­tiónem.

R/. ma liberaci dal male.

R/. Sed líbera nos a malo.

V/ . Ti lodino, o Signore, tutte le tue opere .

V/ . Con­fi­teántur tibi, Dómine, ómnia ópera tua.

R/. E i tuoi santi ti benedicano.

R/. Et Sancti tui benedícant tibi.

V/ . I Santi esulteranno nella gloria.

V/ . Exsultábunt sancti in glória.

R/. Si allieteranno nel loro riposo.

R/. Lætabúntur in cubílibus suis.

V/ . Non a noi, o Signore, non a noi.

V/ . Non nobis, Dómine, non nobis.

R/. Ma al nome tuo dà gloria.

R/. Sed nómini tuo da glóriam.

V/ . Signore, ascolta la mia preghiera.

V/ . Dómine, exáudi oratiónem meam.

R/. E il mio grido giunga fino a te.

R/. Et clamor meus ad te véniat.

I sacerdoti aggiungono:

Sacerdotes addunt:

V/ . Il Signore sia con voi.

V/ . Dóminus vobíscum.

R/. E con il tuo spirito.

R/. Et cum spí­ri­tu tuo.

Preghiamo

Orémus

O Dio, che ai tre giovani hai mitigato il calore della fornace: non permettere, te ne preghiamo, che i tuoi fedeli siano divorati dal fuoco delle passioni.

Deus, qui tribus púeris mitigásti flammas ígnium, concéde propítius; ut nos fámulos tuos non exúrat flamma vitiórum.

Ispira le nostre azioni, Signore, e accompagnale con il tuo aiuto, perché ogni nostra attività abbia sempre da te il suo inizio e in te il suo compimento.

Actiónes nostras, quǽsumus, Dómine, aspirándo prǽveni et adiuvándo proséquere: ut cuncta nostra orátio et operátio a te semper incípiat, et per te cœpta finiátur.

O Dio onnipotente, che hai dato a san Lorenzo la forza di sopportare le fiamme del suo supplizio, concedi a noi di spegnere il fuoco dei nostri vizi. Per Cristo nostro Signore.

Da nobis, quǽsumus, Dómine, vitiórum nostrórum flammas extínguere; qui beato Lauréntio tribuísti tor­men­tórum suórum incéndia superáre. Per Christum Dóminum nostrum.

R/. Amen.

R/. Amen.